cellocupido
cupido pianista 2
violacupido


Di là da musicale - non musicale: la musica è considerata come punto di arrivo di un percorso di sensibilizzazione dell’essere umano verso il suono e il suo potere espressivo e dello sviluppo delle proprie attitudini motorie in correlazione allo strumento scelto.

La grande capacità di apprendimento del bambino va accompagnata con una guida competente. Si apprende giocando (non a caso in molte lingue la parola giocare è associata al far musica: to play, jouer, spielen).


La scelta accuratissima del materiale musicale - a tutti i livelli il contatto diretto con il capolavoro (che può essere anche una melodia popolare!) è considerato l’unico adatto a sviluppare le potenzialità artistiche in ciascuno.

L’assenza totale di esami e di qualsiasi altro tipo di finalità non inerente al processo musicale. In luogo dei consueti saggi ci saranno periodiche possibilità di condividere ciò che si è appreso con altri, si tratti di altri studenti oppure di un pubblico, ma non si studierà per questo specifico momento, bensì per il piacere di apprendere e studiare.


Lo studio della musica si trasforma in un processo di sviluppo di qualità inerenti all’essere umano:
                                                                               •    coordinazione motoria

                                                                                        •    coordinazione tra corpo, mente e emozione
                                                                               •    memoria
                                                                               •    sensibilità
                                                                               •    strutture interiori
                                                                               •    stabilità emotiva


ensemble cupidico d'archi_sito
corocupido
bottega400

©labottegadiarsetlabor

Create a website